Che cos’è?

Con la Legge di Bilancio 2017 è stato introdotto il cosiddetto sisma bonus: un’agevolazione che dà la possibilità di usufruire del vantaggio di un’importante detrazione fiscale sugli interventi di adeguamento sismico di case, immobili e condomini. Nell’arco di tempo che va dal 1 gennaio 2017 fino al 31 dicembre 2021,  i contribuenti possono dunque eseguire interventi di miglioramento sismico sulla propria abitazione portando in detrazione fiscale fino all’ 85% dell’importo lavori e delle spese tecniche sostenute.

Agevolazioni per condomini

In più il bonus condomini 2017, previsto dalla nuova Legge di Stabilità 2017, permette di poter fruire di una detrazione fiscale, ossia, uno sconto IRPEF considerevole, per quei condomini che effettuano interventi di risparmio energetico e/o di adeguamento antisismico e di ristrutturazione.
Le grandi novità per il 2017, introdotte dalla nuova Manovra, riguardano, pertanto:
  • L’estensione di tutti i bonus casa, oggi, in vigore, ai condomini;

  • Maggiore sarà l’adeguamento energetico o antisismico e più alta sarà la riduzione IRPEF;

  • Ecobonus 2017 esteso per 5 anni, ossia, fino al 2021 se le spese sostenute riguarderanno le parti comuni dei condomini.

  • Per i condomini che non hanno immediata disponibilità economica per eseguire i lavori, la nuova legge di Bilancio 2017 ha previsto la possibilità di cedere a soggetti terzi i crediti, e non solo alle ditte che eseguono i lavori.

Detrazioni fiscali per Aziende e Famiglie

Per le famiglie e le imprese che effettuano interventi di miglioramento sismico, di immobili ricadenti nelle zone 1, 2 e 3 di cui all’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003, pubblicata nel supplemento ordinario n. 72 alla Gazzetta Ufficiale n. 105 dell’8 maggio 2003, tali da determinare il passaggio ad una classe inferiore di rischio sismico, la detrazione passa dal 50% al 70%. Se invece i lavori determinano la riduzione di 2 classi di rischio la detrazione è pari all’80%.